RSS

Archivi tag: Luca Signorelli

Visioni polisceniche nel Battesimo di Cristo di Luca Signorelli a San Medardo in Arcevia

Battesimo di Cristo di Luca Signorellidi Guerrino Lovato e Giampietro Catalini

Dopo il polittico Di San Medardo firmato e datato Luca Signorelli 1507, ancora in sito malgrado l’attuale difficile lettura, il pittore di Cortona dipinge con aiuti il Battesimo di Cristo per la confraternita di San Gianne (Giovanni Battista) nel 1508.

La complessa ancona è ben visibile in San Medardo, completa di cornice e predella, firmata nella grande scena del Battesimo, Luca Signorelli de Cortona; si ha puntuale documentazione che il maestro firmò il contratto e che le piccole figure laterali e della predella sono di Luca di Paolo da Matelica e forse di Girolamo Genga.

Specialmente in quest’ultima si sente il segno e la dinamica del Signorelli e proprio sulle trascurate scenette con i fatti della vita e del martirio del Battista si e’ inceppato il nostro sguardo con dei risultati per noi rari e sorprendenti dal punto di vista iconologico.

La grande scena del Battesimo ha nel bel brano di cielo cristallino, di colline vellutate e di acque correnti la presenza del selvatico Battista, qui ben pettinato per  l’occasione sia nella sua testa che nella sua veste caprina, ammantato di rosso–carità e reggente il legno della croce-fede procede al battesimo di Cristo. Cristo dai lunghi ordinati capelli divisi sulla fronte e posti dietro l’orecchio, reclina umilmente il capo e con la mano sinistra indica pudicamente il cuore, gesto di fede, e con la mano destra sembra contemporaneamente indicare il Battista, proteggere i fedeli oltre l’altare dipinto e praticare una sommessa benedizione. Se il gesto di indicare Cristo è il simbolo del Battista “Ecce agnus dei” qui è Cristo a indicare il Suo cartiglio come a chiudere la missione del Precursore e nella predella troveremo il resto.

Battesimo di Cristo Signorelli. Particolare

L’atletico e candido corpo di Cristo di energica anatomia scolpito, è coperto dal più bello e curioso perizoma della pittura rinascimentale: un telo a strisce fitte e colorate della migliore fattura orientale, a dire del fatto e del luogo storico di dove avviene l’evento ossia sul fiume Giordano in Palestina e non nel vicino fiume Misa o Cesano. Un prudente nodo, simbolo altresì di congiunzione tra l’antico e il nuovo testamento, solleva dall’acqua il telo allo scopo di usarlo poi asciutto come indumento intimo di Cristo che non abbisogna di essere lavato o immerso, essendo puro per sua ‘natura’, ma solo simbolicamente asperso sul capo, pratica ormai comune nell’applicazione del sacramento ai neonati già all’inizio del 1500.

Se Cristo non abbisogna di lavarsi, ne hanno necessità i fedeli del Battista nello sfondo; quello a destra già lavato e battezzato ancora con i capelli umidi si riveste indossando la scarpa destra, la sinistra lo attende vicino e il piede sta in ammollo ripetendo la colta posa dello Spinario classico. Il secondo si sta spogliando già con i piedi nell’acqua completamente nudo e senza le mutande che il prudente Piero della Francesca invece gli mise ad Arezzo.

Battesimo di Cristo Signorelli. Particolare

In questa grande scena Luca Signorelli applica la prassi della narrazione poliscenica in una accezione singolare: è il prima, il durante, (ossia il battesimo) e il dopo di quanto ha fatto Cristo in persona per battezzarsi. Allo stesso tempo Cristo, figlio diletto del presente bianco Padre è esempio all’umanità intera, riassunta nelle tre età dei bagnanti. Il Battista riverente e commosso è vero specchio del volto divino di Cristo, precursore e modello anche fisico. Se a sinistra la scena induce alla vita contemplativa dei fedeli battezzandi, a destra dietro al Battista un’ alta collina indica la feriale attività umana; cavalieri e viandanti scendono al fiume, uno si è infortunato il piede a dirci che la vita attiva, così come i beni terreni, è in balia della fortuna e dei ladri. La predella sottostante racconta in cinque scene i fatti della vita e della morte per decapitazione del Battista.

Battesimo_di_Cristo_Signorelli_vita_di_Battista
La prima scena racconta la nascita dalla vecchia madre Santa Elisabetta del piccolo Giovanni qui lavato dalle due levatrici, vicino sta Zaccaria ancora muto per non aver creduto alla tarda fertilità della moglie e costretto a scrivere il nome del neonato non potendolo pronunciare. Sia Zaccaria che Elisabetta che Giovannino sono muniti di aureola e lo dovrebbe essere pure la levatrice in rosso col manto blu perchè è Maria la futura madre di Cristo che secondo gli apocrifi aiutò la cugina a partorire, rara ma non inedita iconografia. Basti osservare nel Polittico di San Medardo come Luca Signorelli rappresenta la Vergine Maria nell’Annunciazione o nella Natività sono uguali a questa. E’ noto un dipinto col medesimo soggetto di Tintoretto, ora a all’ Hermitage a San Pietroburgo, dove Maria levatrice è qui l’unica a avere l’aureola.

La nascita di San Giovanni Battista. Tintoretto - Hermitage - San Pietroburgo

La nascita di San Giovanni Battista. Tintoretto – Hermitage – San Pietroburgo

La seconda scena della predella rappresenta la Predica del Battista ma sullo sfondo vi e’ un fatto precedente ossia il giovane Battista, già munito di croce e di pelle di capra, che digiuna solitario nel deserto. Al centro la terza scena con La rampogna del Battista davanti a Erode e alla concubina Erodiade;  qui il Battista è a palazzo elegante come nella grande scena centrale del Battesimo che qui sotto logicamente manca. La quarta scena include due fatti costringendoci, per comprenderla, a passare sull’ultima predella. Vi è la danza di Salomè di rosa vestita e in vorticosi movimenti assieme al risultato macabro di tanta seduzione, ossia l’arrivo in un bacile della testa staccata del Battista. La presenza del truce trofeo fa inorridire i commensali con vistosi gesti di ripugnanza e dolore, Erode quasi perde la corona, ma perchè Salomè continua la danza? E’ la logica della narrazione poliscenica, il secondo racconto dell’arrivo della testa staccata si sovrappone al primo della danza di Salomè e come in un teatro sacro o sacra rappresentazione non cambia la scenografia e nemmeno gli attori, semplicemente i due fatti avvengono nello stesso tempo, il prima e il dopo…il durante o il fatto mancante è lì vicino, ossia la Decollazione.

Battesimo_di_Cristo_Signorelli_Vita_del_Battista

Il martirio del precursore avviene nell’atrio di una prigione, la cella con la finestrella è nel fondo. Due soldati con lancia sorvegliano l’esecuzione, il carnefice a torso nudo già inguaina la spada, il Battista in ginocchio e con le mani legate dietro la schiena è già decapitato e la sua testa sta cadendo ora nel bacile d’argento versando copioso sangue dal collo, un soldato sistema la testa sul piatto e inorridito dalla violenta azione gira la testa per non vedere. Qualcuno in piedi a sinistra, vestito di verde e  di un manto rosso, forse quello del Battista, con le mani pazienti sul grembo osserva impotente la violenza degli uomini sul Giusto. Penso sia Cristo in persona che da lontano segue la vicenda del Battista e nel Vangelo di Matteo si dice che i discepoli ne portarono la triste notizia. I capelli lunghi e l’orecchio scoperto corrispondono ai tipi di Cristo del Signorelli come quello di Cortona nella Comunione degli apostoli , o di Loreto nell’Incredulità di Tommaso. Nella decollazione del Battista mai abbiamo visto la presenza di Cristo e pensiamo che questo di Arcevia sia un unicum!  Nel martirio di Santo Stefano è San Paolo giovane  a reggere le vesti del Protomartire. Di nuovo la narrazione in un’unica scena pone due fatti distinti e lontani nel tempo e nello spazio simultaneamente. Solo la pittura può fare questo e il Signorelli ne è maestro. Il pubblico e i committenti  sapevano distinguere e raccontare, la Legenda Aurea e i Vangeli letti e commentati entravano nella “ visione”  fissa dell’icona e  del sacro  e non nella “veduta” razionale delle cose degli uomini, a questo ancora non serviva la pittura e tanto meno quella sacra.

Venezia, settembre 2016
Guerrino Lovato e Giampietro Catalini

Per gli appassionati all’iconografia relativa alla decollazione del Battista, consigliamo anche questo video in cui Guerrino racconta, attraverso una sua scultura, la storia della testa di Battista considerata come la reliquia più importante della cristianità. Alla fine del video potrete godere di un’ impressionante collezione delle più famose “Decollazioni” del Battista nella storia dell’arte. Buona visione.

Video di Nicoletta Metri

 
2 commenti

Pubblicato da su 15/09/2016 in Articoli

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: