RSS

Archivi tag: arte

Gli attributi sugli attributi

Oggi analizzeremo la pala di San Nicola di G. Battista del Moro a San Fermo di Verona.

Ringrazio l’amico e pittore Riccardo a Curti per avermi sottoposto l’imponente dipinto di G. B. del Moro col curioso dettaglio, voluto dal pittore e dalla committenza e compreso dai fedeli veronesi nel primo 500, oggi considerato, se viene visto, una piega della veste, un cattivo restauro, o peggio, una goliardata! Invece…

La pala è dedicata a San Nicola di Bari, ma prima era di Mira, esalta l’importante figura di un grande vescovo e politico dell’antica cristianità d’oriente che ebbe i primi imperatori cristiani come sodali e anche oppositori verso la sua gente, oggi saremo in Turchia. Sta sulle nuvole in pompa magna con i completi paramenti sacri, dalla mitra al piviale, dal pastorale alla rossa stola incrociata sul petto e trattenuta in vita dal necessario cordone, ha guanti e rosse scarpe di velluto, e un’icona tessuta in fondo la veste. Con la mano destra impetuosa indica il crocifisso mirando a sant’Agostino non meno paludato di lui, ma più giovane e ancora con la barba nera, la sua ha il colore della saggezza e dell’autorità. Nella mano destra teneva i tre sacchettini d’oro, suo attributo consueto, specialmente dall’epoca gotica e solo in occidente. Per poter indicare il fine ultimo di tutti i cristiani indica la croce, e libera la mano dalle tre sacche dorate, riassunte in tre sfere, nel bianco grembo, che essendo seduto diventa una comoda sede, anche per poi riprenderle, Lotto ai Carmini veneziani, le fa tenere da un grazioso Angelo servente.

Lorenzo Lotto, 1529.Gloria di San Nicola. Particolare.

Nel medesimo grembo si è pure posto il grande e lungo fiocco bianco di seta, trattenuto in alto da una capocchia semisferica, fiocco che è il finale della cintura e che ha avrà il suo gemello oltre la gamba sinistra. È evidente e calcolato che i quattro oggetti lì combinati siano allusivi e sostitutivi alla virilità del potente vescovo, in uno stemma fallico e prorompente. San Nicola di Bari è patrono dei marinai in tutta l’Europa cristiana, sia per mare che per fiume, Adige compreso, infatti il mare sotto è in calma piatta e la barca viaggia a gonfie vele verso la sicura spiaggia, è il miracolo che sta avvenendo lì e ora! Sant’Agostino, con guanti dalle straripanti dita, col pastorale e con il piviale istoriato in rosso e verde e la bianca veste, sottolinea le tre virtù teologali, che determina con la mano destra e la spiaggia forse indica il famoso dilemma dell incomprensibile SS Trinità, che non non è contenibile dall’uomo. Sant’Antonio Abate eremita della Tebaide, col fedele e nero maiale, poggia le stanche mani sul bastone e sul petto, quest’ultima come fede e speranza, e pazienza l’altra , col campanello che avvisava l’arrivo degli appestati, dei quali lui era protettore. Nera é la veste, come l’antro dell’eremita ma azzurro come il cielo, che ora e sempre lo attira, è il resto della veste celestiale. La virtú è prerogativa dei Santi e non meno la loro virilità, parole che hanno la loro radice comune in vir, virtù tenuta a bada dalla castità e dalla continenza ma espressa, quando necessaria a combattere il demonio, il nemico il male, fosse anche il mare in tempesta o le seduttrici prostitute. Questo è il valore non casuale del benefico simbolo fallico, non malizia, ma benizia! Benedizione e forza d’animo, qui poi è tutta una storia tra maschi, pure i due devoti angeli in paradiso. Questo capivano i devoti davanti questa maestosa visione e insieme veduta del paradiso dei santi e della terra faticosa degli uomini.

Maestro Guerrino Lovato, Altavilla Vicentina, 20 ottobre 2021.

 
1 Commento

Pubblicato da su 20/10/2021 in Articoli

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Il polittico di Ascoli

Carlo Crivelli data al 1473 il meraviglioso polittico di Ascoli e si firma VENETUS, l’origine veneziana, pur dalla lontana provincia, è un marchio di qualità e raffinatezza di una civiltà già quasi mitica. Questo è il più bello rimasto nelle Marche, assieme a quello, frammentario, di Montefiore dell’Aso.

Altri polittici altrettanto stupendi sono stati venduti e smembrati e ora sono protagonisti nei musei a Londra o a Milano. Senza dubbio, il pittore disegnava le congrue e intagliate cornici che accompagnavano l’occhio del devoto, dallo smalto alla pastiglia dorata, dal brillante colore su corpi nervosi e inquieti allo spazio circostante dove il vuoto e il buio sottolineavano il frammento di Paradiso in terra che il convegno di Maria e Gesù è dei Santi dipinti rappresentava. Nel polittico di Ascoli in Sant Emidio è evidente che la cimasa sia un esplicito riferimento al fastigio pentacolare e marmoreo della Basilica di San Marco a Venezia.

L’opera veneziana che corona la facciata della basilica ducale che omaggia il doge con la forma del corno ducale nell arco centrale, fu completata dal doge Steno,che aveva come emblema le stelle qui omnipresenti, nel primo 400. Dunque era già negli occhi dei veneziani come il marchio della gloriosa repubblica ducale. Più tardi, ma non troppo, alla fine del 400, Mauro Coducci, riprenderà il motivo con stilemi rinascimentali per la Scuola grande di San Marco ai Santi Giovanni e Paolo sempre a Venezia. Non so se ci furono legami diretti, oltre che l’ origine sempre rimarcata dei due pittori fratelli, tra la committenza e l’opera, forse tramite i mercanti e i banchieri veneziani che presenziavano le coste adriatiche. Non so nemmeno se questa mia diretta ma incontestabile osservazione sia già stata fatta anche se non mi risulta. L’architettura lignea e dorata che contiene le biografie iconografie distinte di ogni santo, ancora isolato nella propria nicchia, è una chiesa con arcate, portali e coronamento, per gli ascolani è il loro Duomo, per i veneti è solo San Marco. Dopo il restauro si vede meglio l’acqua del Giordano che lambisce, con piccole onde separate, la roccia della Fede dove il Battista, imparruccato e nervoso, indica l’Agnello di Dio e invita al battesimo. Acqua quasi invisibile ma di sostegno all’intera figura come l’acqua lo è dell’intera città lontana.

Maestro Guerrino Lovato, Venezia 10 ottobre 2021.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18/10/2021 in Articoli

 

Tag: , , , , , , ,

Il serpente non si mangia la coda del diavolo

L’allegoria, non allegria, magari!

Atene. Teatro di Dioniso. Sileno con pelle di pantera a cuscino, regge il podio. Arte greca del V sec. A.C.

Venezia, Campo San Giacometto. Il Gobbo di Rialto scolpito in pietra d’Istria da Pietro da Salò nel 1541. I veneziani che furono pure i possessori di Atene, conoscevano la statua di Sileno perché da sempre presente in situ e ne hanno riproposto il modello per la nota pietra dei bandi e delle punizioni eseguite dalla Nuova Repubblica Veneziana a imitazione e orgoglio della prima Repubblica Ateniese di 2000 anni prima.

Questa iconografia del telamone inginocchiato ha una sua peculiarità anatomica e funzionale, che non è condivisa dai telamoni romanici o gotici. Ma solo uno scultore e prete del 900, Fra Claudio Granzotto di Chiampo la utilizzò per il suo capolavoro, l’acquasantiera per Santa Lucia di Piave del 1928 in marmo di Carrara.

Qui il Sileno classico, passando dal virile Atlante veneziano di Rialto, diventa un indomabile e urlante demonio, pudicamente coperto da una pelle di serpente. Dalla pelle della pantera cara a Dioniso Bacco pagano, si arriva al serpente tentatore diabolico e vinto dell’olimpo cristiano. Al di sopra l’allegoria della Fede, in bronzo indicante l’acqua benedetta che sta in una colossale e virginale conchiglia sostenuta dalle notturne ali del nerboruto e satiresco maligno. La Fede cristiana nasce dall’Acqua del Battesimo come Venere dalla sua conchiglia marina: l’una, casta e vestita guarda il cielo, l’altra nuda guarda gli uomini!

Maestro Guerrino Lovato.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29/06/2021 in Video

 

Tag: , , , , , , , ,

Pacco a destra o pacco a sinistra? Chiedetelo a Napoleone.

Dopo il calzone settecentesco morbido e ampio, per i maschi alla moda nell’epoca Neoclassica imposta dai Francesi Napolenici, fu un problema non da poco la posizione dell’apparato genitale al di sotto degli attillatissimi pantaloni. Le robuste cosce da cavalieri e il tondo sedere da fanti erano esaltati dall’indumento aderente che non aveva patta o cerniera e era abbottonato ai fianchi.
Gli Italiani scelsero di sistemare “il pacco” a sinistra, forse per un malcelato moralismo puritano e papalino che vedeva a sinistra l’impuro e il male “tout court”, come vediamo nel ritratto della famiglia dei Borbone di G.Cammarano ora a Caserta. I Francesi al contrario misero i “gioielli di famiglia” a destra, dalla parte buona e virtuosa, liberi e laici come li voleva la Rivoluzione e così il loro Imperatore Napoleone, come lo ritrasse Jean Auguste Dominique Ingres nel dipinto ora a Liége.
L’italiano Pietro Benvenuti nel ritrarre Napoleone dopo la battaglia di Jena (il dipinto si trova ora a Firenze) fa ostentare all’imperatore la virile protuberanza “all’italiana” spostando il problema dell’occupazione francese in Italia dalla moda alla politica, cioe’ a sinistra, sempre sotto sensibili pantaloni. Canova, scultore e ufficiale ritrattista dell’Imperatore, taglia la testa al toro o libera il toro già preso per le corna, e dopo averlo sciolto dalla stoffa aderente, esibisce in nudità eroica l’immortale corpo del Bonaparte, e nudo e liberato al centro dell’inguine, il maschio attributo! Napoleone non apprezzò. Jacques Louis David, il grande pittore francese,  invece applause al genio italiano. La versione del colosso Napoleonico di 3 metri, la cui versione è in marmo a Londra e in bronzo a Milano, è premurosamente fornito di una foglia che lo copre di ambigua fattura: se di fico come un Nuovo Adamo, se di vite come un Dio dell’Arcadia o Nuovo Apollo e se di quercia simbolo di fortezza e virilità come un Nuovo Ercole, ma questa volta assolutamente centrale!

Estratto da: “Storie del cazzo” il secolo XIX” di e con Guerrino Lovato

Jean_Auguste_Dominique_Ingres,_Portrait_de_Napoléon_Bonaparte

Napoleone Bonaparte di Jean Auguste Dominique Ingres – Liége

Napoleon_Benvenuti_Firenze

Napoleone Bonaparte di Pietro Benvenuti – Firenze

Napoleone Canova Londra Milano

“Napoleone come Marte pacificatore” di Antonio Canova – A sinistra versione in Bronzo – Accademia di Brera – Milano. A destra la versione in marmo – Apsley House Londra


Articoli interessanti sul Napoleone di Canova:

Quel Napoleone nudo di Canova fece sussultare il più megalomane dei Narcisi

L’incredibile storia della statua di Napoleone a Brera

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16/02/2014 in Articoli

 

Tag: , , , , , , , , ,

Capolavoro trecentesco riscoperto a Venezia

busto_marco_romanoGenova – Potrebbe essere la ri-scoperta dell’anno. Almeno per quanto riguarda il mondo dell’arte . Una colossale testa di Profeta o apostolo, probabile opera dello scultore trecentesco Marco Romano, si trova non valorizzata e poco conosciuta nel secondo cortile, quello «palladiano», delle restaurate e ancora vuote sale dell’ex Accademia delle Belle Arti di Venezia, da poco riaperte ai visitatori. Si tratta di una rara scultura colossale del primo periodo gotico, ovvero un capolavoro protoneoclassico. Lo sostiene lo scultore e storico delle immagini veneziano Guerrino Lovato, che rivela la scoperta da lui fatta visitando i rinnovati spazi espositivi, aperti il 18 dicembre scorso. Si tratta di un busto in marmo greco alto 65 centimetri, con venature grigie, tipico della scultura medievale adriatica, posizionato nel cortile da almeno un secolo fra tante sculture provenienti da chiese e conventi soppressi in epoca napoleonica.
È ancorata con una barra d’acciaio su una balaustra che domina il cortile. Romano, scultore romano senese, a Venezia firma il suo capolavoro nella chiesa di San Simeon Grando, nel sestiere di Santa Croce, datata 1318.
Recentemente gli è stata attribuita l’Annunciazione aSan Marco a Venezia, altre sue sculture sono Duomo di Cremona, al Duomo di Siena e il monumento al Porrina nella collegiata a Casole D’Elsa (Siena), dove gli venne dedicata tre anni fa una mostra.

È un importante scultore a cavallo del `300 che si muove per i cantieri dei vari Comuni e Signorie lasciando una sola opera firmata, il San Simon Grando, dove dice di se´ in latino “Marco Romano scolpì questo insigne lavoro, la sua mano è degna di non piccole lodi”. La testa all’Accademia è calva, con un nido di riccioli in fronte, e altri ricci sulle tempie; i baffi si sollevano e ricadono, gli occhi hanno uno sguardo potente e fiero. A parte una scheggiatura sul naso e la scalpellatura del panneggio a destra è in ottime condizioni, poggiante su una base staccata, ma dello stesso marmo antico. Su chi potesse raffigurare, Lovato ricorda che «il vescovo Jacopo Albertini di San Pietro di Castello fu il committente del San Si meone, e potrebbe aver chiesto per la sua chiesa un busto del santo eponino Pietro». Tra gli elementi iconografici, lo scultore veneziano sottolinea che «l’occhio senza pupilla ma conil bulbo rotondeggiante, le orecchie morellianamente di Marco Romano, le sopracciglia sporgenti e folte e vene a rilievo sulle tempie e la fronte attraversata da sensibili rughe, fanno di questa rara scultura colossale del primo periodo gotico un capolavoro protoneoclassico».

Articolo da Il Secolo XIX – 2 gennaio 2014
vai all’articolo originale:
http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2014/01/02/AQQEp8PB-capolavoro_trecentesco_riscoperto.shtml

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Capolavoro di Marco Romano inedito nelle nuove Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Dal vuoto delle nuove gallerie emerge un capolavoro inedito!
di Guerrino Lovato

Busto-Marco_RomanoUna colossale testa di Profeta o apostolo alta circa 65 cm troneggia nel secondo cortile, quello palladiano, delle restaurate e ancora vuote sale dell’ ex Accademia delle Belle Arti, da poco riaperte ai visitatori. Il busto in marmo greco con venature grigie, tipico della scultura medievale adriatica, è in quel luogo da almeno un secolo e fa parte della tante erratiche sculture, che si addossavano alle pareti della scuola di scultura e decorazione della vecchia Accademia provenienti dalle chiese e dai conventi soppressi in epoca napoleonica, e che con i dipinti formano il nucleo delle opere delle famose Gallerie a tutt’oggi. Molte paraste con bassorilievi del primo rinascimento sono ancora esposte. A mia conoscenza questo busto non ha goduto della minima attenzione, almeno da parte degli storici del secolo scorso e del nostro. Si tratta di una gigantesca testa con collo e breve panneggio, attualmente ancorata con barra d’acciaio, che come una polena domina il cortile di fronte alla celebre parete palladiana. Alcune mie foto di 40 anni fa la documentano in quel medesimo luogo a altezza di 2 metri, dunque accessibile e visibile ora come allora.

DSCF5955A mio avviso si tratta di una scultura di Marco Romano, scultore romano senese che a venezia firma il suo capolavoro in San Simeon Grando, sestriere Santa Croce, con la celebre figura del profeta giacente (cappella a sinistra dell ‘abside). La figura ha delle mani stupefacenti per il realismo che emanano e un volto potente avvolto in barba e capelli inarrivabili da altri scultori di quell’epoca. La data, 1318, è scolpita con la firma dello scultore accanto alla figura del profeta dormiente a grandezza naturale. Recentemente gli è stata attribuita l’Annunciazione a San Marco in Venezia, già erano note le sue sculture al Duomo di Cremona, al Duomo di Siena e il monumento al Porrina nella colleggiata a Casole D’Elsa. E proprio Casole, 3 anni fa, ha dedicato allo scultore una bella mostra con un generoso catalogo per l ‘occasione dell’acquisto di una testina di profeta molto simile alla nostra!  E’ un importante scultore a cavallo del 300 che si muove per i cantieri dei vari Comuni e Signorie lasciando una sola opera firmata: il San Simon Grando sopracitato, dove dice di sè in latino “Marco Romano scolpì questo insigne lavoro, la sua mano è degna di non piccole lodi “.

Ma tornando al busto dell’Accademia, di chi si tratta? E’ un potente ritratto idealizzato di profeta o santo,  Marco, Pietro o Paolo? E’ calvo, ma con un nido di teneri riccioli che scendono gravi e morbidi, come lana pettinata, dalla ampia fronte e che poi sviluppano materici gonfiori sfocianti in sferici riccioli centrati dal foro del trapano. I baffi si sollevano e ricadono dando l’espressione di un sorriso che invece è smorzato da uno sguardo potente e fiero come doveva essere un filosofo della cristianità! Il vescovo Jacopo Albertini di San Pietro di Castello fu il committente del San Simeone e poteva aver chiesto per l’antica chiesa un busto del santo eponino Pietro. Da dove provenga per ora non saprei dire, forse ne parla il Cicogna… Certo non ha interessato ne Wolters, nè la Bassi ,ne De Logu, nè altri storici dell’arte che quel luogo hanno dovuto vedere e frequentare e se era posta staccata dalla parete era per poter godere anche della nuca ornata da due serie di riccioli specularmente perfetti. A parte una scheggiatura sul naso e la scalpellatura del panneggio a destra è in ottime condizioni. Poggia su una base staccata, ma dello stesso marmo antico. L’occhio senza pupilla con il bulbo rotondeggiante, le orecchie morellianamente di Marco Romano, le sopraccilia sporgenti e folte, le vene a rilievo sulle tempie e la fronte attraversata da sensibili rughe… fanno di questa rara scultura colossale del primo periodo gotico un capolavoro protoneoclassico che nell’Accademia Canoviana non dispiaceva!

Guerrino Lovato
scultore e storico delle immagini
Venezia, 30 dicembre 2013

Busto Marco Romano

 

Tag: , , , , , ,

L’angelo chiromante di Lotto – TG Regione Veneto

 
 

Tag: , , , , , , ,

Guardatemi, sono io… Lorenzo Lotto.

Lorenzo Lotto AutoritrattoFatto curioso quello che accade a Lorenzo Lotto. Le sue opere sono esposte a Roma, il suo talento è riconosciuto in tutto il mondo. Eppure in questi giorni LUI si trova alle Scuderie del Quirinale, ha viaggiato fin qui dal Canada, ma nessuno lo vede, nessuno lo riconosce. Fantastico un po’ su cosa possa pensare il Lotto in una situazione del genere…:”Sono invitato alla mia celebrazione come un ospite fantasma. Guardatemi, sono io, Lorenzo, uno sguardo che penetra lo spazio come una vite… oggi soltanto un quadro tra i miei quadri.” Ma com’è potuto succedere, e di cosa diavolo stiamo parlando?
Domenica scorsa mentre siamo al mercatino di Ascoli Piceno, Guerrino mi rivela che questo dipinto è senza dubbio l’autoritratto di Lorenzo Lotto. Inizio subito a riprenderlo con il mio smartphone. Gli chiedo di spiegarmi il percorso che lo ha portato a questa conclusione. La sua sicurezza arriva da lunghi anni di studio che gli hanno permesso, già nel 2008, di scoprire anche l’altro autoritratto nella pala di sant’Antonino (leggi l’articolo) e quindi di approfondire nei minimi dettagli la morfologia dell’artista fino a riprodurlo tridimensionalmente. Questo dipinto, scoperto soltanto negli anni novanta, appartiene alla National Gallery of Canada di Ottawa. Spesso è titolato come “Ritratto di uomo con cappello” e altre volte come “Ritratto di contadino o pastore”. E’ un olio su carta, un supporto alquanto fragile ed economico, che sottolinea la ristrettezza di mezzi in cui viveva il nostro autore e anche l’ipotesi che lo dipinse solo per se stesso. In questi giorni, a Roma, molti di voi ci passeranno davanti, lo ammireranno. Guardate la sua mano, è la sua firma. Guardatelo negli occhi, il suo sguardo non vi seguirà perchè troppo impegnato a guardare se stesso… nello specchio.

Ma prima che guardiate il filmato, una breve sintesi della teoria:

  •  La morfologia del viso è identica a quella del Lotto nella pala di Sant’Antonino: osso frontale e labbra molto sporgenti, naso lungo, capelli ricci e sopratutto la forma delle orecchie particolarissima, a fagiolo, ma un po’ a punta. Guardate il video del Morphing dove sovrapponiamo l’incisione del 1648 che ritrae Lotto e questo ritratto. Concentratevi sulla bocca e sul naso e vedrete che coincidono perfettamente.  
  • La mano destra, che ha realizzato il quadro, è coperta dal cappello proprio perchè essendo in movimento è impossibile rappresentarla. Il cappello, così come il resto del suo abbigliamento (la camicia, la giubba e il robone) è tipico dei viaggiatori. Lotto non ha mai avuto fissa dimora.
  • La mano sinistra invece firma il quadro. L’indice e il medio indicano il numero 2, mentre l’anulare ed il mignolo, sopratutto se osservati da vicino, hanno una posizione innaturale ed indicano la lettera ELLE. Quindi 2L, Lorenzo Lotto.
  • Lo sguardo: non sta guardando il pittore, fuori dal quadro, ma se stesso allo specchio.
  • Per saperne di più guardate lo schema realizzato da Paolo Mameli

Buona visione! Nicoletta Metri

A sinistra un'incisione del 1648 che ritrae il Lotto, tratta dal Ridolfi. La somiglianza c'è. A destra Guerrino Lovato. Foto di Marco Brazzola.


Morphing video realizzato da Paolo Mameli

Lorenzo Lotto. Sculture di Guerrino Lovato. Foto di Andrea Topi e Paolo Mameli


Approfondimenti:

  • Leggi l’articolo “Guardatelo è Lorenzo Lotto” pubblicato il 25 marzo 2011 su La Nuova Venezia, Il Mattino di Padova, la Tribuna di Treviso.
  • Leggi l’articolo ” A caccia di funghi tra calle e canali” dal Blog di Paolo Mameli
  • La mostra “Lorenzo Lotto” Scuderie del Quirinale – Roma
  • Sito web: “Lorenzo Lotto, l’artista, le opere, i luoghi”
 
2 commenti

Pubblicato da su 24/03/2011 in Lorenzo Lotto

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Un video ci svela l’ennesimo segreto del famoso disegno di Michelangelo Buonarroti

Il disegno di Cleopatra di Michelangelo è un’opera piena di fascino e di mistero. Già nel 1988, a seguito di un restauro che lo libera dal controfondo, ci regala un colpo di scena svelando la presenza di un’altra immagine della regina egiziana con accanto il profilo di un vecchio, una versione precedente del soggetto, molto più drammatica di quella a noi nota. L’opera fa parte dei cosiddetti “presentation drawings”, ossia i disegni realizzati dall’artista non per fini progettuali, ma per farne dei regali speciali. In questo caso il regalo è destinato al nobile amico romano Tommaso Cavalieri che lo conserva con devozione fino a un giorno nel 1562 in cui è costretto a cederlo al duca Cosimo I dei Medici.
In questo video Guerrino aggiunge un nuovo significato a quest’opera straordinaria e ci racconta come Michelangelo adorna il collo regale di Cleopatra con una raffinata metafora.
Qui sotto trovate il video e le immagini dell’opera nel dettaglio.
https://enigmidarte.wordpress.com/2010/03/31/video-cleopatra-di-michelangelo-il-morso-dello-stato/

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Video: Cleopatra di Michelangelo. Il morso dello stato

 
5 commenti

Pubblicato da su 31/03/2010 in Cleopatra di Michelangelo, Video

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: