RSS

Vicini col cuore a Mirandola

30 Mag

Noi tutti di Enigmi d’Arte ci sentiamo vicini a tutte le persone e ai cari amici travolti dal disastro. Speriamo che il terremoto abbia solo sfiorato la Tomba Monumentale di Prendiparte di Paolo Pico, in San Francesco a Mirandola, semidistrutta dal terremoto di ieri 29 maggio 2012.

AWE WEN
“Partecipo al dramma, ben sapendo che l’opera d’arte vive solo quando qualcuno l’ama, la capisce e la frequenta, sono affranto dal sapere del rovinoso crollo del tetto della chiesa. Si saranno rovinate le tombe dei Pico, le sculture dei Dalle Masegne? Noi ammiratori siamo più fragili delle opere di scultura, ma più numerosi e purtroppo meno esemplari per la storia collettiva, non facciamo abbastanza per proteggere l’arte che abbiamo ereditato che, va ricordato, è solo quello che ci è rimasto dopo i traumi della storia. Dovremmo indignarci perpetuamente per contrastare lo smog che a Roma ricopre in pochi anni quanto era stato coperto dalle impalcature del restauro per la pulitura… e le auto continuano a passare davanti a San Carlino del Borromini. Spero che il misterioso asinello della tomba di Mirandola non si sollevi dalla caduta, ma si sollevinino le sensibilità comuni perchè non vengano torturate ulteriormente le opere dell’uomo che AMIAMO.”
Guerrino Lovato

L’asinello scolpito sulla meravigliosa arca pensile del Pico era stato protagonista di un nostro video ed in seguito ispiratore del nostro logo. Guarda il video

 
1 Commento

Pubblicato da su 30/05/2012 in L'asino di Prendiparte

 

Una risposta a “Vicini col cuore a Mirandola

  1. Giuseppe Grana - Bergamo

    04/06/2012 at 23:19

    Un video dall’elicottero più volte trasmesso da Rai News mostra la navata superstite al crollo della Chiesa di San Francesco. Sotto le volte risparmiate della navatella sinistra si vedono il monumento a Giovanni Pico e la tomba di Galeotto I°. Il muro che regge le tombe si appoggia a quello del chiostro del convento ed essendo questo integro, è altamente probabile che le tombe siano tutte salve! Chi scrive, pur abitando a Bergamo è un mirandolese innamorato della sua città e potrete immaginarne la sofferenza. Da cinquant’anni seguo le vicende storico artistiche della città dei Pico con meticoloso interesse. Il vostro video è davvero piacevole ed interessante. Se vorrete potremo scambiarci informazioni e curiosità. Con simpatia mi permetto di aggiungere che l’asinello di Prendiparte è in reltà una mula caduta sotto un peso insopportabile. Metafora dello stato di prostrazione della vedova Caterina Caimi dopo la morte del marito. La scritta gotica in inglese arcaico suona: “come sopportare?”. A presto, se vorrete. Complimenti e grazie per l’amore e la premura dimostrata per la mia Mirandola vittima di un destino incattivito.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: